Un libro sul comodino. “Non uccidete Lavoisier” di A. Bandinelli (video)

Angela Bandinelli è laureata in Pedagogia, ha conseguito il Dottorato in Storia della Scienza presso l’Università degli studi di Firenze e il postdoc all’Istituto Max Planck a Berlino. Ha lavorato come bibliotecaria per l’Istituto e Museo Galileo; oltre a essere danzatrice e coreografa per la compagnia Baltica (Roma) di Monteverde, dal 1992 tiene corsi di danza per principianti e professionisti. Ha pubblicato la monografia Le origini chimiche della vita (Olschki, 2013), oggi è insegnante e organizza nelle scuole laboratori di teatro sperimentale. Sua ultima “fatica” letteraria è “Non uccidete Lavoisier”.

In un mercatino parigino all’inizio degli anni Duemila, Marco, un fisico sperimentale, trova un manoscritto antico e prezioso, scritto dal servitore di Lavoisier. Nonostante non sia in vendita, Marco lo ruba “accidentalmente” e una sera lo mostra a Monia, l’amica che lo ospita nella capitale francese. Per i due si apre una nuova dimensione: dilatata, popolata da continue coincidenze e segni straordinari. Il protagonista riesce a non dare troppo peso alle digressioni sul sovrannaturale che ne conseguono, fino a che, anni dopo a Berlino, conosce due accademiche specializzate proprio nella scienza chimica nata nel Settecento, come spiegato nel manoscritto. Inizia in lui un percorso di studio e d’introspezione per conoscere la verità su quel documento storico che lo porterà a mutare il suo stesso atteggiamento sul mondo. Un romanzo storico e fantastico, un’avventura straordinaria attraverso la Storia, la Scienza, l’Arte per il migliore dei Mondi Possibili.

Ascoltiamo l’intervista realizzata dal direttore di Radionoff e scrittore Luigi Pistone.

Default image
Gianfranco Lotito
Articles: 48