San Carlo: a Potenza il 24° corso avanzato su procreazione assistita

È in corso presso l’Azienda ospedaliera regionale San Carlo di Potenza la tre giorni (21-23 ottobre) dedicata alle tecniche di procreazione medicalmente assistita. L’evento formativo, coordinato dal responsabile scientifico Sergio Schettini, direttore del dipartimento Materno-infantile, è occasione di confronto e formazione continua per le numerose figure professionali che ruotano attorno al problema della infertilità. Il corso è rivolto a medici ginecologi, biologi e biotecnologi con esperienza nella gestione della coppia infertile intenzionati ad acquisire nozioni teorico-pratiche più approfondite relativamente alle tecniche di procreazione medicalmente assistita e all’applicazione dei più recenti provvedimenti legislativi italiani.

“Il corso -ha spiegato il dottor Schettini- ha l’obiettivo di definire l’approccio di base allo studio della coppia infertile e di favorire l’acquisizione delle procedure di laboratorio e le strategie terapeutiche atte ad ottenere la gravidanza. Le fasi del corso descrivono il percorso articolate nei diversi momenti che vanno dall’anamnesi della coppia e agli esami di ginecologia e andrologia, fino alla personalizzazione del percorso diagnostico-terapeutico della coppia, con una attenzione anche rivolta agli aspetti normativi e alle ultime novità in campo farmacologico di settore, fino ad arrivare alle esercitazioni pratiche nell’ambulatorio e nel laboratorio della Procreazione medicalmente assistita, alla chirurgia urologica e ginecologica nella coppia infertile e alle nozioni di preservazione della fertilità”.

“La partecipazione all’evento di professionisti provenienti da tutt’Italia dimostra l’indiscusso valore dell’équipe medica e biologica titolare del percorso di procreazione medicalmente assistita dell’Azienda San Carlo, capace di fornire un servizio sanitario – ormai inserito nei LEA – all’avanguardia ormai da 25 anni”. Così il direttore generale dell’Aor San Carlo Giuseppe Spera che ha poi aggiunto: “L’evento è la dimostrazione tangibile che una sanità di qualità può e deve essere garantita anche in una regione piccola quale la Basilicata, con riconoscimenti che vanno ben oltre i confini regionali e ruolo di prim’ordine giocato a livello nazionale. I momenti di confronto, quali quello in corso, rappresentano in tale contesto un ulteriore fondamentale momento di crescita”.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi