La particolare “amicizia” tra Joe Biden e Xi Jinping

Il presidente statunitense Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping hanno tenuto il loro primo incontro bilaterale da quando Biden è stato eletto. L’incontro si è tenuto in videoconferenza (Xi Jinping non esce dalla Cina dall’inizio della pandemia da coronavirus) ed è stato tutto sommato piuttosto freddo. I due leader hanno parlato di varie questioni che dividono Cina e Stati Uniti, tra cui la competizione economica, la questione di Taiwan e i diritti umani, senza fare particolari passi avanti su nessuna di queste.

Uno degli aspetti dell’incontro che però hanno suscitato l’attenzione di molti osservatori è stato il modo con cui Xi Jinping ha introdotto la conversazione: «Anche se non è piacevole come un incontro faccia a faccia, sono molto contento di vedere il mio vecchio amico».

La dicitura di ‘vecchio amico’ (老朋友, lao pengyou) è piuttosto affettuosa in Cina, e si usa tra persone che hanno lunghi trascorsi comuni. Xi e Biden si conoscono dal 2011, quando entrambi erano ancora vicepresidenti dei loro rispettivi paesi, e si sono incontrati più volte, ma dire che sono “vecchi amici” è un po’ eccessivo, per due ragioni: anzitutto perché sono i leader di due paesi in grossa e conflittuale competizione; in secondo luogo perché la questione dell’amicizia presunta tra Biden e Xi era già emersa a giugno, quando Biden aveva negato che i due fossero vecchi amici: “Diciamo le cose come stanno. Ci conosciamo bene, ma non siamo vecchi amici. Sono soltanto affari”.

Anche subito prima dell’incontro tra i due leader, Jen Psaki, la portavoce della Casa Bianca, aveva ribadito che Biden “continua a non considerare Xi come un vecchio amico”.

Il fatto che nonostante tutto Xi abbia comunque voluto chiamare Biden “vecchio amico” è piuttosto particolare. Potrebbe trattarsi di una semplice cortesia, o di un modo per mettere in imbarazzo Biden davanti all’opinione pubblica americana, che è sempre più scettica e sospettosa nei confronti del governo cinese.

Shi Yinhong, professore di Relazioni internazionali all’Università Renmin di Pechino, ha detto a Reuters che “quando noi cinesi chiamiamo qualcuno ‘vecchio amico’, significa che lo conosciamo da tanto tempo. Ma non significa per forza che sia ancora un amico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi