«Il 70% dei ricoverati è no vax, sono come i terrapiattisti»

Il direttore delle malattie infettive Asst Santi Paolo e Carlo di Milano: «Fare un lockdown solo per i no vax è sicuramente una misura coercitiva ma bisogna anche difendere i più deboli nella popolazione».

Antonella d’Arminio Monforte, Direttore delle Malattie Infettive ASST Santi Paolo e Carlo di Milano, tra i centri in prima linea nel contrasto alla pandemia: “Sicuramente rispetto a settembre c’è stato un aumento dei casi, guardando al numero dei posti letto occupati. Mentre alla fine dell’estate avevamo solo un reparto dedicato al covid ed era mezzo vuoto, adesso ne abbiamo due: i positivi sono ospitati anche nel reparto delle malattie infettive. Stiamo andando a saturazione”.

In tutto parliamo di una trentina di persone ricoverate, che arrivano per lo più da località fuori dal Comune di Milano, e di queste “il 70% sono non vaccinate”. Sono quelle che rischiano di più, “una paziente di 60 anni l’abbiamo appena mandata in rianimazione”. “Quando vengono ricoverati si rifiutano a volte anche di mettere il casco per l’ossigeno perché pensano che sia un ordigno infernale” ci racconta l’infettivologa. “C’è anche molta ignoranza. Alcuni ci dicono che non si sono vaccinati perché hanno già tante malattie e prendono parecchie medicine. Ecco, quelle sono persone che rischiano grosso”.

“Bisognerebbe convincere i no vax perché sono quelli che mantengono l’infezione circolante tra la popolazione”. Poi certo esistono gli irriducibili, ma lì non ci puoi fare molto, come per i ‘terrapiattisti’, quelli che sostengono che la terra è piatta”. La famosa anti scienza dilagante contro cui bisogna combattere, di cui ha parlato anche il presidente della Repubblica.

Gli “irriducibili non li convinceremo mai secondo me se non obbligandoli con misure coercitive – sottolinea -. Fare un lockdown solo per i no vax è sicuramente una misura coercitiva ma bisogna anche difendere i più deboli nella popolazione”. “Quello che facciamo è cercare di convincere la gente a vaccinarsi. Vedere che c’è chi porta al pronto soccorso la madre che non ha fatto vaccinare, e che poi muore, è una cosa che fa ribollire il sangue”.

“Nessuno può prevedere il futuro ma sicuramente la quota dei vaccinati con la terza dose, è in aumento. E quindi aumenta il numero di persone che non corrono il rischio di infettarsi. Un rischio che invece adesso corrono i pazienti anziani, con delle patologie, vaccinati tanti mesi fa”.

“La cosa che mi fa ben sperare rispetto agli altri paesi europei, che hanno delle epidemie ben maggiori, è il fatto che abbiamo il green pass che altri non hanno, che limita la circolazione se non con la negatività del tampone o con la vaccinazione; e inoltre abbiamo delle regole più stringenti in merito al distanziamento e alle mascherine. Certo non bisogna perdere tempo e vaccinare in continuazione”.

Anche la vaccinazione nei bambini contribuirà”, ma su questo è atteso il parere dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) che il 29 novembre deciderà sull’autorizzazione al vaccino contro il Covid di Pfizer-BioNTech per i bambini nella fascia 5-11 anni. “Dobbiamo cercare di coprire la popolazione il più possibile e nel frattempo mantenere delle misure strette di distanziamento. Non credo ci sia bisogno di chiudere tutto, ristoranti, cinema. Almeno allo stato attuale non lo è di certo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi