Green pass esteso al 2022

Green pass obbligatorio, c’è l’ipotesi di proroga fino all’estate del 2022. Mentre lo stato di emergena, in scadenza il prossimo 31 dicembre, non dovrebbe essere confermato (ma c’è comunque la possibilità di allungarlo fino a febbraio arrivando così ai 24 mesi, limite imposto dalla Costituzione), l’obbligatorietà della certificazione sanitaria sul luogo di lavoro e sui mezzi di trasporto/luoghi di intrattenimento potrebbe arrivare alla prossima estate.

Si valuta infatti un’estensione fino a maggio/giugno con modulazioni che interesseranno sempre meno categorie professionali.

Secondo quanto riporta Il Messaggero, le ipotesi principali sul tavolo al momento sono già due: un’estensione fino a primavera dello strumento attuale oppure l’estensione fino all’inizio dell’estate (attorno a maggio) con l’obiettivo poi di modularne una minore applicazione, lasciandolo obbligatorio per un numero sempre minore di categorie professionali.

Sia per lo stato d’emergenza che per l’uso del Green pass, spiegano le fonti citate dal Messaggero, “siamo in una fase interlocutoria, ma nessuna ipotesi è esclusa”. Le scelte verranno fatte seguendo soprattutto l’evolversi della pandemia con i relativi dati di contagi e ricoveri.

L’obiettivo principale di una eventuale estensione della certificazione verde, ovviamente, è quello di spingere ulteriormente la campagna vaccinale. Per la sempre più probabile terza dose, che partirà nei primi giorni dell’anno nuovo, e per raggiungere quota 92% di immunizzati con almeno una dose come da programma del generale Figliuolo.

Se in diverse zone d’Europa, Regno Unito in primis, si valuta proprio in queste ore l’introduzione del Green pass per arginare la curva dei contagi e delle ospedalizzazioni, di nuovo in salita, c’è chi, come la Francia, si è già mossa, approvando nelle ultime due settimane una legge che consente al Governo di ricorrere al Green pass fino al prossimo 31 luglio del 2022.

Default image
radionoff
Articles: 5813