• Nolè e il pesce ramarro
    Di fronte al grande specchio del lurido cesso del ristorante, sparò un rutto fragoroso. Poi, guardandosi ottusamente il volto, dopo essersi avvicinato allo specchio, piegandosi in avanti, si passò la mano più volte sulla guancia ruvida di barba. Si risistemò la camicia, e, stancamente, ritornò in sala, al tavolo dove l’aspettava Maria.Il commissario Nolè, Gerardo…
  • Il linguaggio e la comunicazione
    Sempre più approfonditi studi hanno determinato che c’è un lessico per ogni professione e come questo tende sempre più a insinuarsi in quello di altre professioni. Questo è un fenomeno linguistico quasi naturale ma quando si tratta di quello giornalistico allora trattiamo del “tutto” e del “niente”. Il giornalista è, di fatto, certamente l’unico che…
  • B. Croce: la poesia del Leopardi
    Dove si trovi la poesia del Leopardi è già additato dalla comune coscienza criti­ca, la quale, dopo avere accolto fredda­ mente le Operette morali, rifiutati i Para­lipomeni e la Palinodia, accusava di pro­saicità la Ginestra e altri carmi, con atto risoluto e per opera del De Sanctis e facendo gridare i fanatici del patriottismo (dal…
  • Le “corrispondances” di Tim Ingold
    Correspondances (Corrispondenze) è il titolo di uno dei componimenti poetici più noti di Charles Baudelaire ed è considerato uno dei manifesti del simbolismo. Questo sonetto fa parte della sezione iniziale delle sei che compongono la prima edizione de I fiori del male (1857) quella senza prologo, senza il famoso invito au-lecteur, che Baudelaire decise di introdurre nella seconda edizione…
  • G. Gentile: il teorico del fascismo
    Ora il fascismo non nacque come ideologia, anzi fu un movimento anti-ideologico, non si presentò alle sue origini come un partito, ma come un ami-partito. Tuttavia, quando ebbe il potere nelle mani, cercò di darsi una ideologia, e trovò in Giovanni Gentile (1875-1944) il suo teorico. Fautore con Croce del risveglio idealistico, Gentile aveva collaborato…
  • F. Engels: i caratteri del realismo
    Realismo significa, secondo il mio modo di vedere, a parte la fedeltà nei particola­ ri, riproduzione fedele di caratteri tipici in circostanze tipiche. (…) Quanto più nascoste rimangono le opinioni dell’auto­ re e tanto meglio è per l’opera d’arte. Il realismo di cui io parlo può manifestarsi anche a dispetto delle idee dell’autore. (…) Balzac,…