Bergoglio: «I giovani mettono in crisi il mondo degli adulti»

“Desidero ringraziarvi per i sogni e i progetti di bene che voi avete e per il fatto che vi preoccupate tanto delle relazioni umane quanto della cura dell’ambiente. Grazie”. Così Papa Francesco nel videomessaggio inviato ai giovani che partecipano al Seminario dedicato alla promozione di una educazione sostenibile organizzato dall’Italia nel quadro della Copresidenza italo-britannica della Cop26 nell’ambito della Youth4Climate: Driving Ambition, che si tiene a Milano. “È una preoccupazione che fa bene a tutti. Questa visione – sottolinea il Pontefice – è capace di mettere in crisi il mondo degli adulti, poiché rivela il fatto che non solo siete preparati all’azione, ma siete anche disponibili all’ascolto paziente, al dialogo costruttivo e alla comprensione reciproca”. “Accompagno il vostro cammino e vi incoraggio a portare avanti il lavoro per il bene dell’umanità”, continua Francesco che poi incoraggia i giovani “a unire gli sforzi mediante un’ampia alleanza educativa per formare generazioni salde nel bene, mature, capaci di superare le frammentazioni e di ricostruire il tessuto delle relazioni di modo che possiamo giungere a una umanità più fraterna”. “Siete il presente”. “Si dice che siete il futuro, ma in queste cose siete il presente, siete quelli che stanno costruendo oggi, nel presente, il futuro”, aggiunge. Occorre “un reale cambiamento di rotta, di una nuova coscienza del rapporto dell’essere umano con sé stesso, con gli altri, con la società, con il creato e con Dio” continua Papa Francesco e mette in guardia sull’uomo che “si pensa come il signore dell’universo” e sottolinea che ci sono dei “doveri”, delle “responsabilità” verso le generazioni future. È “drammatica” la situazione in cui versa “la salute del nostro pianeta”. “Non c’è più tempo per aspettare, bisogna agire. Ogni strumento che rispetti i diritti umani e i principi della democrazia e dello stato di diritto, valori fondamentali del Consiglio d’Europa, può risultare utile per affrontare questa sfida globale” ha concluso il Pontefice.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi