Bellitti (Fials): Il Covid dilaga tra i sanitari urge campagna regionale monitoraggio

di Luciana Bellitti, segretaria della Fials lucana

La Regione Basilicata deve immediatamente organizzare una campagna di tamponi per il personale Sanitario come misura di sorveglianza durante tutto il periodo pandemico e inoltre organizzare i servizi per attuare le nuove norme che dal 1° gennaio aboliscono la quarantena per il personale sanitario entrato in contatto stretto con un Positivo. Dal 1° gennaio, infatti, non è più prevista la quarantena: il personale a rischio resta in servizio ma deve sottoporsi per cinque giorni consecutivi a tamponi rapidi. A chi tocca organizzarli? Non è pensabile infatti che se ne debbano fare carico personalmente i lavoratori, viste anche le difficoltà e le lunghe code per i tamponi “privati”. Destano, del resto, grande preoccupazione i dati diffusi dall’Istituto superiore di sanità e impongono uno sforzo importante per la sorveglianza: nelle ultime 72 ore abbiamo registrato un aumento di oltre 6mila operatori sanitari infettati. Particolarmente grave, in questo contesto, la sporadicità del monitoraggio in Basilicata. Mentre i tamponi molecolari sarebbero effettuati con una cadenza regolare nella maggior parte delle strutture del territorio nazionale, nelle Aziende Sanitarie Lucane vengono eseguiti solo nel caso di sintomi conclamati o di precedenti tamponi antigenici positivi. Con il velocissimo dilagare del contagio si rivela del tutto inadeguata e pericolosa la routine dei tamponi rapidi.  Nel caso in cui l’operatore sanitario risultasse positivo a uno di questi test, effettuerebbe subito un molecolare, ma in molte strutture continuerebbe a lavorare per almeno altre 48 ore in attesa del risultato di quest’ultimo, rischiando di infettare colleghi, pazienti e familiari. Occorre quindi assicurare la sequenza dei tamponi rapidi per il personale a rischio mantenuto in servizio e calendarizzare una campagna urgente di monitoraggio per il personale sanitario.

Default image
radionoff
Articles: 6223

Leave a Reply